TERZA PAGINA

ANGOLO FASHION

Prénatal: ispirazione per la prima capsule della primavera-estate

Nelle giornate di metà inverno lo sguardo vola verso la bella stagione, in cerca di nuova leggerezza.
Entrano così in scena le collezioni primavera-estate e Prénatal presenta la prima capsule 2021 dall’impronta marinière.
Le righe – in versione micro o macro – fanno capolino all’interno della morbida giacca in ciniglia e sulle tutine dei neonati, irresistibili in bianco e blu.
Un total look da piccoli marinai che si competa con bavaglini, calze, scarpine e teneri cappelli.
Un trend evergreen quello delle righe che Prénatal on manca di proporre anche ai bambini più grandi (fino a 8 anni), ampliando la tavolozza di colori al grigio melange e lasciandosi contaminare dallo street style come mostrano i grafismi sulla maglia del baby boy (3-36 mesi).
E il viaggio verso l’estate avvolge tra le righe anche la futura mamma, come fa la maglia che alterna il blu marine all’écru, completata dal maxi fiocco in grosgrain e apertura orizzontale.

ANGOLO MUSICA

SANREMO

In arrivo: la ricerca dei figuranti, una pagliacciata dietro l’altra?

Per gli esperti  bisogna fare Sanremo come ogni anno

Peccato che la gente si accorge delle incongruenze della TV e  la direzione RAI prova ad arginare la situazione

Forse qualcuno comincia a fare uno più uno. La televisione ha continuato a prendervi in giro, le trasmissioni sono andate in onda come sempre, solo con ridicoli pannelli di plexiglass per arginare il ‘virus’. Si è ballato abbracciati addirittura a Ballando con le Stelle, con la giudice Selvaggia Lucarelli che invece bacchettava i negazionisti sulle sue pagine social e mostrando una dissonanza cognitiva impersonata in carne ed ossa. Poi abbiamo l’onnipresente e potente Maria De Filippi che ha invitato i suoi Uomini e Donne, facendo mettere solo la mascherina tra una scala, la sedia  e qualche pannello trasparente come a C’è posta per te . Poi abbiamo visto al  Grande Fratello, Signorini e gli altri VIP che hanno festeggiato addirittura il capodanno con baci, abbracci e spumanti in uno studio chiuso ed eccoci arrivare ovviamente alla gara canora di Sanremo.  Il Festival deve essere fatto, non fa mica nulla se c’è un teatro con migliaia di persone assembrate. Però, mi raccomando i ristoranti e bar sono chiusi. Allora qualcuno ha mandato delle mail di fuoco alla direzione RAI che sta provando in qualche modo a dimostare che ‘loro’ (l’èlite musicale) vogliono combattere l’espansione del ‘virus’. Ci crediamo vero?

Riporta una testata:

In vista di Sanremo, la Rai è alla ricerca, con urgenza, di coppie di figuranti conviventi, disponibili per le cinque serate in diretta dal Teatro Ariston del 71esimo festival: una notizia che conferma l’intenzione già anticipata da Amadeus nei giorni scorsi di procedere con il Festival dal 2 al 6 marzo, con pubblico ridotto e composto, appunto, da figuranti.

«Fondamentale essere conviventi»

«È fondamentale avere il requisito di convivente – sarebbe scritto in un avviso, riportato dall’Ansa – che permetterà di occupare due poltrone ravvicinate, distanziate dalle altre almeno di un metro. Sarà richiesta un’autodichiarazione di convivenza e inoltre sarà richiesto un tampone (rimborsato da Rai) nei giorni precedenti la prima convocazione». Amadeus, conduttore e direttore artistico del Festival, aveva già detto di aver pensato alla soluzione di figuranti per permettere lo svolgimento in sicurezza del Festival: «Sì, pensiamo a figure contrattualizzate che sono parte integrante dello spettacolo nel rispetto del Dpcm. Con le giuste distanze possiamo arrivare a 380 persone in platea, mentre la galleria sarà ovviamente chiusa – ha dichiarato al Corriere -. Dobbiamo offrire al pubblico a casa e agli artisti che sono sul palco la possibilità di avere uno spettacolo vero. Chi dice che il pubblico non serve fa un altro mestiere. Io non mi metto a sindacare di protocolli sanitari e mi affido al giudizio di tecnici ed esperti. Su come si fa uno spettacolo invece penso di avere l’esperienza per sapere come si realizza uno show così importante».

Come scusa? Figuranti? Ma perchè le regole non valgono per tutti?

Arisa è in gara al 71° Festival di Sanremo con il brano “Potevi fare di più”, scritto per lei da Gigi D’Alessio

Arisa è in gara al 71° Festival di Sanremo con il brano “Potevi fare di più” (Pipshow Srl, licenza esclusiva di Believe Digital Srl), scritto per lei da Gigi D’Alessio e contenuto nel suo prossimo album di inediti.

Questa sarà la settima partecipazione al Festival di Sanremo per l’artista che si è già aggiudicata due vittorie: la prima nel 2009, nella categoria Nuove Proposte, con il brano “Sincerità”, e la seconda nel 2014 nella categoria Campioni con “Controvento”. Nel 2015, inoltre, Arisa è stata co-conduttrice della 65° edizione del Festival.

Nel corso della sua carriera Arisa si è contraddistinta per il suo raffinato timbro vocale e per la sua versatilità: oltre alla carriera nella musica ha anche lavorato nel mondo cinematografico, come attrice e doppiatrice, e in ambito televisivo, come giudice di importanti talent show (X Factor e Amici) e come presenza fissa in programmi televisivi (Victor Victoria – Niente è come sembra).

Ha all’attivo sei album in studio, un Ep e due raccolte, vanta quattro certificazioni Platino (con “Malamorenò”, “La notte”, “Meraviglioso amore mio”, “Controvento”) e due certificazioni oro (con “L’amore è un’altra cosa” e “Guardando il cielo”).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...