PRIMA PAGINA


Appello urgente per una risposta internazionale all’invasione militare turca del Kurdistan meridionale
Questa mattina, tra le 3:00 e le 6:00 ora locale, le forze armate turche hanno avviato un’offensiva militare transfrontaliera su vasta scala nella regione di Garê nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale). Gli attacchi aerei turchi hanno preso di mira i villaggi di Guzê, Meyrokê, Siyanê, Çemşerîtkê, Yekmalê e Kanîsarkê, e soldati sono stati sganciati nella regione con elicotteri Cobra e Sikorsky.
I combattenti del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) hanno combattuto dall’alba per respingere le forze d’invasione e sono in corso pesanti scontri. Il regime del presidente turco Recep Tayyip Erdogan intende chiaramente ampliare l’occupazione militare turca del Kurdistan meridionale e ora ha scelto di intensificare l’aggressione militare turca per rafforzare la presa di Erdogan sul potere in risposta alla crisi in corso dello Stato della Turchia.
La crescente resistenza curda rimane l’ostacolo più formidabile all’espansionismo neo-ottomano e alla strategia di occupazione di Erdogan nella Siria settentrionale e orientale e nel Kurdistan meridionale, ed Erdogan cerca urgentemente di mettere a tacere i curdi per proteggere l’esistenza del suo stato in decadenza, sempre più isolato e antidemocratico.
Mentre Erdogan faceva vane promesse all’UE e agli Stati Uniti riguardo a possibili riforme, il suo ministro della Difesa, Hulusi Akar, si è recato all’estero, visitando Baghdad ed Erbil a gennaio e Berlino all’inizio di questo mese, per chiedere l’approvazione e il sostegno per una nuova fase della guerra dello stato turco contro il popolo curdo e per l’espansione dell’occupazione turca nella regione.
 Il 9 febbraio, per ottenere il sostegno del nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Akar si è offerto di negoziare sull’uso da parte della Turchia del sistema di difesa aerea russo S-400. Erdogan e Akar sanno che i militari turchi non potranno espandere la loro occupazione del Kurdistan meridionale senza affrontare la resistenza curda.
Erdogan vede un’espansione dell’occupazione del Kurdistan meridionale come un modo per superare la sua crisi di stato. Nei giorni scorsi non solo i curdi ma anche le forze democratiche di tutta la Turchia hanno protestato contro il regime dittatoriale di Erdogan. Da oltre un mese gli studenti e il personale della prestigiosa Università Bogazici di Istanbul manifestano contro il regime di Erdogan e le loro proteste stanno guadagnando copertura e sostegno a livello nazionale.
All’inizio di questo mese, il Partito Democratico dei Popoli (HDP) ha lanciato la sua campagna “Giustizia per tutti” sostenuta da un’ampia coalizione di gruppi di opposizione.Allo stesso tempo, continua lo sciopero della fame dei prigionieri politici curdi per porre fine all’isolamento del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, giunto ormai al 76 ° giorno.
Con l’approssimarsi del 21° anniversario del rapimento di Öcalan, il 15 febbraio 1999, le richieste degli scioperanti della fame e gli appelli più ampi per la libertà di Öcalan continuano a esercitare pressioni sul regime di Erdogan.
Piuttosto che rispondere alle legittime richieste di democratizzazione, Erdogan ha ribadito la sua dichiarazione di guerra contro il popolo curdo.Lo stato turco non può combattere questa guerra da solo e ha bisogno dell’aiuto internazionale dell’UE, degli Stati Uniti e della NATO. Se lo Stato turco riceve questa assistenza, Erdogan avrà un pass gratuito per continuare a violare le convenzioni sui diritti umani e il diritto internazionale, impegnandosi in aggressioni militari, occupazione e pulizia etnica. Chiediamo alle Nazioni Unite, all’UE, al Consiglio d’Europa, agli Stati Uniti e alla NATO di obbligare lo Stato turco a rispettare il diritto internazionale.
Per una soluzione pacifica in Turchia, chiediamo anche ai governi e alle istituzioni internazionali di obbligare lo Stato turco ad attuare le raccomandazioni del Consiglio d’Europa e del Comitato europeo per la prevenzione della tortura (CPT) e di revocare l’isolamento imposto ad Abdullah Öcalan per fornire l’opportunità di un dialogo politico volto a raggiungere la pace in Turchia e in tutta la regione.
Infine, chiediamo alla comunità internazionale di unirsi a noi nel chiedere il ritiro incondizionato e immediato di tutte le forze turche dal Kurdistan meridionale e dal nord e dall’est della Siria.
Consiglio esecutivo del Congresso nazionale del Kurdistan (KNK), 10.02.2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...