TERZA PAGINA

ANGOLO MUSICA


Nuove Proposte -Fainest ‘Chuck Berry’

Chuck Berry”, il nuovo singolo dei Fainest con Sorry Mom!/Be NEXT Music e distribuito da Sony Music Italy, rende omaggio alla leggenda del rock’n’roll.
Con questa canzone il duo Milanese consolida le sonorità Urban Funk già presenti nella precedente “James Brown”.
La produzione è stata affidata a Mastermaind (già noto per le collaborazioni con artisti come Fedez, Fabri Fibra e BigFish) che ha saputo dare un apporto “Funkadelico” alla composizione.
Visto il soggetto a cui è dedicata la canzone, l’arrangiamento vede l’impiego di chitarre elettriche realizzate da Stefan Di Maria e il testo cita alcune canzoni del famosissimo cantautore, come “Maybellene” e “Johnny B. Goode”.
Il videoclip ufficiale diretto da Pier Pank che accompagna “Chuck Berry” è ambientato in scenari retrò e vede la partecipazione di Margherita Zanatta.
Si apre con una “citazione nella citazione”, ovvero con uno spezzone di “Ritorno al Futuro”, nello specifico la scena in cui Marty esegue un brano di Chuck Berry al ballo della scuola.

Ascoltare “Chuck Berry” vi farà sentire come dei fuggiaschi su una Cadillac dopo un colpo ben riuscito!
 
 
Fainest sono un duo formato da Blade e Dily nel novembre 2012.
I due riescono da subito a creare un’alchimia musicale originale che ha incuriosito il produttore Mastermaind, il quale ha deciso di prendere parte attiva al progetto.
Dal primo singolo “Non ci sto dentro più” alla pubblicazione di “Taac” i Fainest calcano palchi e pubblicano canzoni, accrescendo man mano la loro fanbase.
Tutto ciò porta alla firma, nel 2021, con Sorry Mom/Be NEXT, con cui pubblicano il nuovo singolo “Chuck Berry”, distribuito Sony Music Italy.

MOTTA: AL VIA A GIUGNO IL NUOVO TOUR ESTIVO

Parte a giugno il nuovo tour di Motta che torna finalmente sul palco per presentare dal vivo il suo nuovo lavoro discografico “Semplice”, pubblicato il 30 aprile da Sugar. Un disco che racconta il suo nuovo percorso di crescita personale ed artistico attraverso un processo di semplificazione e di ritorno alle cose semplici. Prodotto dallo stesso Motta nel suo studio romano con la complicità di Taketo Gohara, l’album rispecchia la volontà di avvicinare sound e arrangiamenti alla dimensione live.

Motta torna a quella che è la dimensione essenziale per un artista come lui che è cresciuto, umanamente e professionalmente, sopra i palchi, suonando in giro per l’Italia senza quasi mai fermarsi. Torna con un tour che assume una connotazione per lui ancora più forte e viscerale soprattutto in questo periodo di ripartenza. L’ultimo live lo tenne il 28 settembre 2019 quando chiuse un lungo tour e tre anni intensi con uno speciale concerto nella prestigiosa sala Santa Cecilia dell’ Auditorium Parco della Musica e ora è arrivato il momento di ripartire.

Il tour è organizzato da Locusta Booking, di seguito il calendario delle date ad oggi confermate:

27.06 Codroipo (UD)- Villa Manin Estate 2021

10.07 Pistoia – Pistoia Blues

21.07 Milano – Carroponte

24.07 Abbazia di Corazzo (CZ) – Aghia Sophia Fest

22.08 Galzignano Terme (PD) -Anfiteatro del Venda

28.08 Senigallia (AN) – Mamamia

29.08 Torino – TBA

07.09 Bologna – Arena Puccini

10.09 Roma – Auditorium Parco della Musica

Insieme a Motta (voce, chitarra acustica e percussioni), saliranno sul palco Cesare Petulicchio (batteria), Giorgio Maria Condemi (chitarre), Carmine Iuvone (violoncello), Matteo Scannicchio (tastiere/elettronica) e Francesco Chimenti ( basso/violoncello).

Esce venerdì 21 maggio il nuovo singolo di Levante “Dall’alba al tramonto”

Esce venerdì 21 maggio il nuovo singolo di Levante “Dall’alba al tramonto”, una ballad ipnotica che ruota intorno a quelli che comunemente vengono ritenuti “poli opposti”, come appunto, l’alba e il tramonto, il giorno e la notte, l’inizio e la fine, e tutti quegli estremi che in realtà implicano per loro natura una condizione di reciprocità e dipendenza.

“Come il giorno e la notte, anche molte relazioni umane si fondano su una polarità che si rivela solo apparente. Il tema è il timore della fine e la confidenza con l’inizio, per ritrovarsi nella tenera sentenza che quei due opposti sono due volti dello stesso momento”, racconta la cantautrice.

Una riflessione che si lega necessariamente anche al terzo romanzo di Levante “E questo cuore non mente”, in uscita l’8 giugno per Rizzoli, in cui il lettore segue la protagonista Anita nel suo viaggio introspettivo attraverso un percorso di psicoterapia che parte dalla fine (di una storia d’amore di Anita, in questo caso), per tornare all’inizio, curare l’anima dalle ferite del passato e abbracciare finalmente la scatola nera delle proprie emozioni.

Il brano “Dall’alba al tramonto” è concepito come un dialogo tra due persone che si risolve nel ritornello, esplodendo in una gioiosa riflessione sulla fine delle cose e sulla potenza di rinascita che portano con sé.

Il brano è accompagnato da un video, omaggio all’immaginario degli anni 60, con Levante assoluta protagonista. Ampliando la tematica del principio come inizio e come rinascita, il videoclip di “Dall’alba al tramonto” è concepito come un omaggio essenziale agli anni 60 in Italia e al loro immaginario visivo dal punto di vista di una artista in preparazione per uno show. Un tributo all’estetica di quel periodo di velocissima trasformazione socio-economica e di rinascita anche culturale, in cui la percezione della “fine” di un periodo buio si affiancava all’entusiasmo collettivo e alla fiducia nel domani come foriero di nuove opportunità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...