NEWS DEL GIORNO

LIVORNO


Patto Locale per la Formazione, presentati i fabbisogni occupazionali delle imprese del nostro territorio e le figure professionali richieste

Rapporto Excelsior e Progetto Mare illustrati nel corso di un convegno online

Il Rapporto Excelsior, strumento di indagine con il quale Unioncamere, in accordo con l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro ed in collaborazione con le singole Camere di Commercio, monitora le previsioni di assunzione delle imprese e rileva le caratteristiche dei profili professionali richiesti, è stato al centro di una videoconferenza che si è svolta questa mattina, giovedì 15 luglio, nell’ambito del Patto Locale per la Formazione.
In particolare l’incontro è servito per illustrare i fabbisogni occupazionali e formativi in provincia di Livorno emersi dal Sistema Informativo Excelsior, ma anche per rappresentare i fabbisogni professionali e formativi delle imprese nella blue e green economy rilevati con il Progetto Mare.
L’appuntamento, organizzato dall’assessore al Lavoro e allo Sviluppo Economico del Comune di Livorno, Gianfranco Simoncini, ha visto la partecipazione del presidente della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, Riccardo Breda, di Cristina Grieco del Ministero dell’Istruzione, e di  rappresentanti del mondo sindacale, imprenditoriale e scolastico aderenti al Patto Locale per la Formazione.
A fare una panoramica sui fabbisogni occupazionali e formativi sono stati Raffaella Antonini (Azienda Speciale CSS – Centro Studi e Servizi) e Alessandro Rinaldi (Direttore Ricerche statistiche ed economiche – Centro Studi delle Camere di Commercio “Guglielmo Tagliacarne”).
“L’incontro di stamani – ha dichiarato l’assessore Simoncini – rappresenta un passaggio importante nel lavoro che il Patto sta portando avanti. Il Rapporto Excelsior rappresenta uno strumento importante finalizzato ad orientare chi deve fare delle scelte in tema di formazione. Da esso emergono grandi prospettive legate soprattutto all’economia blue e green, ma evidenzia anche come Livorno sia una realtà che investe fortemente sulla innovazione digitale e questi dati ci rafforzano nelle decisioni che abbiamo assunto in questo periodo indirizzando anche fondi comunali in questa direzione ”.
“La rete delle collaborazioni istituzionali attivata sul territorio, anche attraverso il Tavolo, è fondamentale per agire nel modo più efficace possibile, sostenendo l’occupazione e programmando interventi formativi adeguati al mercato del lavoro ed alla crescita di tutto il sistema imprenditoriale. La presentazione del Rapporto Excelsior e dei fabbisogni professionali e formativi delle imprese nella blue e green economy realizzata nell’ambito del Progetto europeo MARE va in questa direzione e costituisce un importante contributo informativo per supportare la co-progettazione territoriale degli interventi orientativi e formativi rivolti agli studenti ed a tutti coloro che, in diverso modo, cercano di inserirsi o ricollocarsi nel mondo del lavoro”: così il presidente Riccardo Breda.
Il materiale presentato nel corso del convegno sarà disponibile nei prossimi giorni sul sito  del Comune di Livorno nella pagina dedicata al Patto Locale per la Formazione.

San Severo, bimbo ferito nell’agguato trasferito a Bari

Policlinico di Bari, piazza Giulio Cesare 11

È stato trasferito ieri sera a Bari il bambino di sei anni colpito da un proiettile a San Severo (Foggia) nell’agguato in cui è rimasto ucciso lo zio, il pregiudicato Matteo Anastasio, durante i festeggiamenti per la vittoria dell’Italia agli Europei di calcio. Lo rende noto il Policlinico di Bari, precisando che «le sue condizioni rimangono critiche». Sottoposto a intervento neurochirurgico alla colonna vertebrale, il 12 luglio all’ospedale Riuniti di Foggia, il bambino è stato trasferito ieri sera in elicottero al Policlinico di Bari, da dove è stato portato in ambulanza all’ospedale pediatrico Giovanni XXIII e ricoverato nel reparto di Rianimazione. Il piccolo è stato stabilizzato e sottoposto a una trasfusione di sangue. Al momento resta «in coma farmacologico e sottoposto a ventilazione assistita. È seguito da un’équipe multidisciplinare composta da rianimatori, chirurghi pediatrici e neurochirurghi», precisa il Policlinico.

Foggia, rischio di elettrosmog a Volturino ora osserva la Commissione europea

E’ quanto emerso in occasione della discussione di oggi all’Europarlamento

Elettrosmog di Volturino: ordinanza di rimozione di antenne e tralicci

La Commissione Ue ha messo sotto osservazione il rischio di elettrosmog segnalato a Volturino, in provincia di Foggia, è attende una nuova valutazione scientifica della situazione. E’ quanto emerso in occasione della discussione del caso svoltasi oggi alla commissione Petizioni dell’Europarlamento.

La rimozione delle antenne abusive a Volturino per salvaguardare la salute dei cittadini è stata chiesta agli europarlamentari da Antonio Gagliardi, presidente dell’associazione Elettrosmog Volturino, che si occupa di combattere l’inquinamento elettromagnetico da antenne radiotelevisive. Gagliardi denuncia l’elettrosmog causato dalla proliferazione dei tralicci abusivi (oltre 200) sulla sommità di un insediamento urbano di circa 2.000 abitanti.

Nonostante l’ordinanza del sindaco che ne impone la demolizione, la situazione non si è ancora sbloccata e questo avrebbe portato un grave danno per la popolazione da 35 anni esposta alle radiazioni: indagini epidemiologiche elencano insonnia, tumori, diabete e cardiopatie tra le conseguenze.

Il rappresentante della Dg Salute della Commissione europea ha ricordato che spetta alle autorità nazionali esaminare i limiti all’esposizione all’inquinamento elettromagnetico e che Bruxelles è in attesa di un nuova valutazione scientifica, perciò la petizione resta aperta.

Essere padre di migliaia di ragazzi di strada (meninos de rua) a Rio de Janeiro in Brasile

ll film “Dear Child” sui “meninos de rua” e l’opera del missionario italiano Renato Chiera in Brasile vince il Best Film Unicef 2021.

“Stiamo affrontando un momento molto difficile in Brasile. C’è una crisi che riguarda i valori essenziali. Stiamo perdendo la capacità di amare”. La voce calda e accogliente di padre Renato Chiera, sacerdote piemontese da quarant’anni in Brasile al fianco dei ragazzi di strada, guida e accompagna le immagini del film Dear Child, “Caro Bambino”, opera del regista Luca Ammendola. Un film intenso, duro, profondo e al tempo stesso impregnato di speranza che racconta la vita di questo missionario e dei suoi ragazzi, i suoi “meninos de rua” per i quali ha dedicato e continua a dedicare tutta la vita, senza risparmio di energie, anche ora che si avvicina al traguardo degli ottant’anni. Il film ha ricevuto numerosi riconoscimenti in Italia e a livello internazionale. Tra questi il più significativo è il Best Film Unicef 2021 assegnato durante il Ferrara Film Festival nel giugno scorso (qui il trailer del film). “Per l’Unicef – si legge nella motivazione – un bambino è un bambino, non fa differenza dove nasce o cresce, perché ha gli stessi insindacabili diritti e merita le giuste opportunità”. La storia, prosegue ancora il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia, “ci mostra il lavoro di cura, amore, dedizione che il sacerdote padre Renato Chiera utilizza per il recupero di un gruppo di ragazzi, salvati dalla droga, dalla violenza e dall’abbandono”.

Il film, ambientato nella “Casa do Menor” fondata da padre Chiera nella Baixada Fluminense – una grande, sofferta e violenta periferia di Rio de Janeiro – vede scorrere e intrecciarsi le storie di giovani che, già nella loro adolescenza, hanno subito ogni genere di violenza e sfiorato più volte la morte. Tales a 16 anni ha già alle spalle una vita da spacciatore di droga; Josue, un anno più grande, di quella droga è diventato dipendente; Vagner a soli 14 anni ha una taglia sulla propria testa, è “condannato” dagli squadroni della morte che “ripuliscono” le periferie della metropoli brasiliana da questi giovani pericolosi che nessuno vuole. “La più grande tragedia – ci dice padre Renato Chiera – non è essere poveri, è non essere figli, non sentirsi amati. Per questo, la nostra proposta pedagogica e psicologica cura con la presenza di qualcuno che li faccia sentire figli. Per questo cerco di essere padre di questi figli non amati da nessuno e di farli sentire figli del Padre di tutti noi”.

Antimafia: a breve desecretate 4 mila pagine di documenti

“Nella seduta di ieri si è approvata non solo la desecretazione dell’audizione svolta a Palermo di Giovanni Falcone, inerente la X legislatura, ma soprattutto tutti gli atti della XIII legislatura. Nel quadro complessivo del lavoro della Commissione Antimafia e nello specifico del “Comitato sul regime degli atti in Antimafia”, si sta svolgendo la più grande opera di desecretazione mai attuata prima. Saranno disponibili a breve sul sito antimafia.parlamento.it oltre 4000 pagine di nuovi documenti inerenti la XIII legislatura. I documenti contengono lavori di commissione in precedenza classificati, resoconti di audizioni e di lavori di comitati, attività della Commissione operante tra il 1996 e il 2001, come convegni, studi e relazioni. Si tratta di un complesso documentale amplissimo che consentirà alla cittadinanza e agli studiosi e agli storici di poter completare il quadro di quanto accadeva in quel quinquennio sul versante del contrasto alla criminalità organizzata e allo studio delle sue evoluzioni”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...